EMERGENZA CORONAVIRUS

Oggi, 4 marzo 2020,  il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il decreto con le nuove  misure  per fronteggiare l'emergenza CORONAVIRUS, valide su tutto il  territorio nazionale, tra le quali la sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado


Il Comune di Spezzano Albanese informa che il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il nuovo Decreto sull'emergenza coronavirus, con tutte le misure adottate dal Governo su tutto il territorio nazionale, tra le quali la sospensione, fino al 15 marzo 2020, dei servizi educativi per l'infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università.
A tal proposito si ricordano ancora una volta le principali norme alle quali tutti  dobbiamo attenerci:


a) Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) Con riferimento all'igiene respiratoria, di starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie;
d) Mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) Evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l'attività sportiva;
f)  Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
g) Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
h) Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
i)  Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
l)  Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o se si assiste persone malate.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri raccomanda, inoltre, ai comuni e agli altri enti territoriali, nonché alle associazioni culturali e sportive, di offrire attività ricreative individuali alternative a quelle collettive interdette dallo stesso decreto, che promuovano e favoriscano le attività svolte all'aperto, purché svolte senza creare assembramenti di persone ovvero svolte presso il domicilio degli interessati;


DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 4 MARZO 2020



Cultura

La lingua arbëreshë, anche arberesco o lingua arberesca(gjuha arbërishte in albanese) è un sottotipo appartenente al gruppo della lingua albanese della famiglia delle lingue indoeuropee, ed è una varietà antica del tosco, il dialetto parlato nel sud dell'Albania.

La lingua arbëreshë è parlata come prima lingua dalla minoranza etnica e linguistica "albanese d'Italia", detta anche "arberesca" o "degli arbereschi". La minoranza albanese in Italia si è formata attraverso numerose migrazioni, nell'Italia Meridionale, a partire dalla seconda metà del XV secolo, provenienti dall'Albania e dalla Grecia.

È tutelata dallo Stato italiano in base alla legge-quadro n. 482 del 15 dicembre 1999.

Leggi tutto
trasparenza

imusite